giovedì 30 giugno 2016

Christo vincit, Christo regnat, Christo imperat!

Ovvero dell’inutilità e dello spreco dell’arte e in particolare della passerella di Sulzano.




No non ci vado, non ci vado, figurati stare delle ore sotto il sole che mi si rovina il trucco, mi cuoce il botulino e disfa il collagene al labbro, stare delle ore tra le populace mentre persino quella sguincia della Beccalossi è stata ricevuta tra I vip, dare una soddisfazione a quella antipatica della Beretta che è riuscita a far parlare a mezzo mondo della sua isoletta, il tutto solo perché a New York ha un appartamento in parte a quella del bulgaro.

Il passaggio della passerella id fronte all’isola Beretta., ha tuttavia dimostrato in maniera icastica la relazione tra armi, guerra, oppressione sociale, e soi disant arte

Le attività predatorie, guerra finanza, politica, attività improduttive e inutili se non distruttive, non solo portano a una stratificazione sociale tra una classe dedicata a queste attività di rapina e una classe dominata che è occupata in lavoro produttivo e noioso che non da né fama né distinzione, ma ha come conseguenza che il non lavoro ha uno status più alto del lavoro produttivo,

il non lavoro è segno di distinzione e prestigio.,
Questa condizione sociale di   non attività produttiva, libera dal lavoro è meglio definito dal termine inglese leisure  che viene reso con qualche difficoltà da una  traduzione italiana, il famoso libro di Thorstein Veblen,di The Theory of the Leisure Class 1899), è stato tradotto in Teoria della classe agiata, meglio sarebbe stato tradurlo Teoria della classe  oziosa, intendendo ozio nel senso latino del termine, uso del tempo in attività improduttive, non legate al negozio, in  arte  letteratura appunto. .
La quintessenza del leisure man,  è il gentleman inglese nullafacente, ,che vivendo di rendita dedica il suo tempo a  leisure activities,  attività improduttive come la caccia la politica, lo sport, l’arte., che essendo improduttive danno distinzione e prestigio.
La condizione oziosa è segno di distinzione di ricchezza ereditata da attività legate ad attività di rapina
(Che nel governo italiano ci sano rampolli buona famiglia come Boschi  Renzi che hanno potuto dedicarsi alla politica  perché godevano di una condizione libera dalla necessità del lavoro dimostra empiricamente questa teoria)
ciò che è considerato bello  e  arte è legato a questa condizione libera da necessità utilitaria e produttiva , un bel prato all’inglese dimostra che il proprietario è talmente ricco da non doverci piantare patate, i piedini legati e deformi delle donne cinesi erano considerati belli,  principalmente perché così deformi le donne   non potevano essere impiegate in attività produttive…
L’abbronzatura viene citata come il classico esempio di cambiamento di status , segno di lavoro considerata brutta, segno di attività sportiva e di leisure ,c considerata chic
Ha ragione Sgarbi a dire che la passerella è inutile non conduce da nessuna parte, ma questa infatti è la funzione sociale dell’arte.
l’arte è la più alta   di ogni leisure activity, è per definizione inutile, non ha scopo produttivo, ma è utile e ha uno scopo per definire lo status del consumatore, la sua possibilità di spreco, di conspicous consumption.
Lo spreco diventa un segno di distinzione in maniera circolare appunto perché è inutile, e  dimostra  la libertà da ogni  consumo utile e produttivo. …
nell’era della disoccupazione di massa, trasformata in maniera forzosa in leisure class, con niente da fare, assistiamo alla fruizione di massa dell’arte, lo spreco di massa, la distinzione di massa, le masse emulano in maniera grottesca la leisure class cuocendo al sole…

sabato 11 giugno 2016

Primarie ? che noia, meglio un talents show.


Come il Pd potrebbe scegliere il suo prossimo leader e  sorpassare a destra il movimento 5 stelle.


Fans of Waad Qannam il vincitore del talent show che ha scelto il nuovo presidente dell’autorità palestinese.



Ducunt volentem fata, nolentem trahunt
Il fato guida chi vuole lasciarsi guidare e trascina anche chi non vuole.  
Ah il latinorum della profe del ginnasio
Ah i  tromboni che dicono che  internet è il regno degli stupidi, che facebook ha permesso a tutti di scrivere degli editoriali, che la televisione è una  cattiva maestra e artefice di una dittatura soft,  che il cellulare costringe a una solitudine connessa, e preferiamo parlare con lui invece che con il nostro vicino..
.ricordo tanti anni fa appena usciti i telefonini,  una bustina di Minerva di Umberto Eco che diceva che non capiva come il cellulare potesse essere segno di snobistica distinzione, a lui appariva il contrario, avere il cellulare è come essere sempre reperibile, on call, come una cameriera che deve sgambettare  al suono della  campanella della padrona... ...vorrei vedere se anche lui, Umberto Eco,  prima di morire non ne aveva uno, di telefonino…
insomma i tromboni saranno sepolti e su di loro trionferà la forza dei media, ….chiuderanno definitivamente le sezioni dei partiti, morirà finalmente  il festival dell’unità, la politica si farà sempre di più nei talk show, la linea dettata da twitter, l’opinione formata e diffusa dai social..i candidati scelti su internet...i 5 stelle in questo l'hanno  vista giusta
Ma ancora di più radicale è la scelta che si è fatta nei territori dell’Autorità Palestinese, dalla tv locale,  dove  non sono più i poltici che diventano stars dei reality shows, ma le stars dei reality shows che vengono scelti per diventare leader politici.insomma  Invece delle primarie un talent show,


perché la televisione non deve essere più solo il luogo della affermazione e della fama dei poltici,  ma  anche il luogo della selezione e della scelta. Se un politico per avere successo deve essere telegenico, scegliamo dall’inizio un telegenico per fare il  politico, se la tv è il vero luogo di lavoro dei poltici, (è noto per esempio che le ore che passa Salvini in televisione sono di gran lunga maggiori di quelle che trascorre  nel parlamento Europeo, dove è stato eletto) sia la tv a scegliere i politici,  è più semplice e si va alla radice del problema senza tante ipocrisie.
Lo show palestinese, già al secondo anno, si chiama giustamente “Il presidente”, si è concluso  ai primi di giugno,   ha come scopo quello di  scegliere il nuovo candidato dell’autorità palestinese (ahimè puramente virtuale sembra che Mahmoud Abbas che doveva essere eletto per 5 anni, dopo 11 anni al potere non ha nessuna intenzione di lasciare il posto a qualcun altro)
24 concorrenti scelti da 1200 candidati  hanno dovuto sottoporsi a una serie di test, ed esami  sulla politica internazionale e palestinese, diritto, economia, e gender equality. Ogni settimana i candidati dovevano seguire un ministro o un uomo d’affari e in seguito erano interrogati da una giuria di esperti su cosa avevano imparato che cosa proponevano per migliorare …il  un processo di selezione  trasparente e monitorato  da milioni di telespettatori che alla fine hanno scelto con un messaggio al cellulare il vincitore.
Che è stato  un giovanotto di East Jerusalem tale Waad Qannam che se non sarà proprio eletto presidente dell’autorità ha davanti a sè nondimeno un futuro politico radioso.

E’ un modello di selezione della leadership che modestamente mi sento di fare al PD per uscire dalla impasse in cui si trova, permetterebbe di superare a destra e  in demagogia  i 5 stelle, consentirebbe di uscire da una democrazia parlamentare obsoleta...vogliono abolire il senato aboliamo anche la camera e trasformiamo tutto in telecamera..
Propongo questa scaletta di prove  e selezioni  a cui dovranno essere sottoposti i candidati.

1 selezione Rischiatutto , i candidati dovranno mostrare la loro cultura generale, e in particolare rispondere a domande di diritto economia e scienze politiche,...
2 selezione Big Brother. Sorvegliati da una telecamera giorno e notte i candidati dovranno mostrare la loro  tempra morale la capacità di relazione con gli altri
3 selezione Isola dei saranno famosi, i candidati dovranno mostrare endurance, buona salute e capacità di sopravvivenza e di aiutare il prossimo in difficoltà,
4 selezione modello Xfactor  i candidati dovranno mostrare di conoscere a memoria l’Iinno di Mameli  e saperlo  cantare intonati e con dovuto sentimento
5 selezione modello Talk show
I candidati dovranno mostrare la loro abilità nell’insultre gli altri, e  non farli parlare
6 selezione Tele Predicatori Televendita. Come  Vanna marchi e  Mario Pacheco Do Nascimento i candidati dovranno saper vendere una catorcio di macchina usata, convincere la casalinga di Voghera  che una  macumba è quella buona per sconfiggere la rivale in amore e vendere alle vecchiette elisir di lunga giovinezza, ..

I concorrenti superstiti che sopravvivono  selezionati da queste prove verrano poi votati con televoto, fa niente poi che in Italia ancora più che in Palestina parenti e amici mafie e ndrangheta potranno comprare pacchetti di voti, come se non avvenisse  lo stesso nelle elezioni normali...