martedì 14 ottobre 2014

Vladimir Luxuria, la regina Teodolinda, la Pascale, Dudu ai tempi d’internet

Grillo annuncia che i suoi parlamentari andranno a spalare il fango a Genova.. Niente nessuno è più innocente nei tempi della società dello spettacolo. Anche l’atto più generoso e innocente mediato dai media perde il suo valore di dono spontaneo e gratuito per diventa subito altro, valore di scambio propaganda. Non sappia la destra cosa ha fatto la sinistra diceva il vangelo Matteo 6,1-6.16-18
Ai nostri tempi è più probabile che la destra tirerà indietro di nascosto quello che ha fatto la sinistra davanti alle telecamere. Andy Warhol, visto che i giornali avevano scritto, falsamente, che era stato in un posto decideva di non andarci, perché se lo avevano scritto i media, era come se ci fosse stato. …e che dire della cena di Vladimir Luxuria ad Arcore, a perorare la causa dei gay, non era più nobile una dignitosa discriminazione, valeva la pena sopravvivere per annegare in questa melassa kitsch?
·         


·          
La regina consorte Pascale, novella Teodolinda che convertì al cattolicesimo i rudi Longobardi, advocata nostra intercede, grande mediatrice celeste, presso il sovrano, e la trans Luxuria accettata più di un qualsiasi gay normale, perché più di altri si presta ad essere fenomeno da baraccone mediatico. Cambierà qualcosa per il ragazzo grasso gay pigliato per il culo dai coetanei alla periferia di Napoli? O quello che avviene di là, nel mondo della televisione e della fama è qualcosa d’altro che non ci riguarda?

Ovviamente no, qualcosa ci riguarda e forse è lo scotto che ci tocca pagare, come Vladimir preferiamo sempre la Luxuria a Putin, avremmo voluto che fosse andata in un altro modo, in modo, come dire, più democratico,  senza ricorrere a sovrani e a mediatrici celesti. Amen

Nessun commento:

Posta un commento