giovedì 23 febbraio 2012

Sancta, Santorum, Sanctimony


I never came across “sanctimony” before reading Philip Roth’s The human stain. The word occurs almost at the beginning of the novel, prominently at the end of a long sentence, “the ecstasy of sanctimony”.
“Ninetyeight in new England was a summer of exquisite warmth and sunshine, in baseball a summer of mythical battle between a home-run god who was white and home-run god who was brown, and in America the summer of an enormous piety binge , a purity binge, when terrorism – which had replaced communism as the prevailing threat to the country’s security, was succeeded by cocksucking , and a virile, youthful middle-aged president, and a brash smitten twenty-one- year-old employee carrying on in the Oval Office like two teenage kids in a parking lot revived America’s oldest communal passion, historically perhaps the most treacherous and subversive pleasure: the ecstasy of sanctimony”.  –
We know what they say: translator traitor, the Italian translation, by V. Mantovani of The human stain, La macchia Umana, , (Einaudi, 2001), .dilutes the rhythm of the English sentence,  transforms the vulgar and common “cocksucking” in a neologism “pompinismo”, (that after communism and terrorism, we have to admit it, sounds rather funny), and the high-sounding “sanctimony” in the common “ipocrisia”. 
Hypocrisy is obviously not the same thing as sanctimony,  although connected to it, googling it I found : “sanctimonious hypocrisy”
The Oxford English dictionary defines “Sanctimonious” as follows: “Of pretended or assumed sanctity piety,  making a show of sanctity , affecting  the appearance of sanctity”., and quotes Shakespeare’s Measure for measure , (I,ii, 7)
“Thou concluded like the sanctimonious pirate, that went to sea with the ten commandment, but scraped one out of the table.”
In Measure for Measure, Angelo, as the personification of the law, does not accept the validity of the civil marriage of Claudio and Juliet, decides to enforce the rule that fornication is punishable by death, sentences Claudio to be executed. We discover at the end that Angelo does not apply the same strict rule to himself

Nomen Omen: Senator Rick Santorum always equates gay civil marriage with bigamy, polygamy and bestiality. Santorum’s ancestor apparently came from Riva del Garda, near Mymosa Moon’s little villa. Now being the south of Germany as well as the north of Italy, it is one of the most affluent areas in Europe. Had his grandfather been living there now, he wouldn't have migrated to America. Probably one would think that we Italians need indeed a little bit of sanctimony more than Americans, and that the migration of the Santorums has been a great loss for us. But sanctimony is a temptation for every power in every country.  I do not forget  that Mara Garfagna, minister in  Berlusconi’s government , an ex-actress  who did not become minister for her beautiful mind, proposed a law, calling for  more  severe punishments and restrictions of prostitutes, their pimps and their clients. Berlusconi enthusiastically and loudly supported the law. Tons  of laughter have buried it. Italian journalist Guzzanti has even coined a neologism“mignottocrazia”, Whorecracy, for Berlusconi’s regime. The story shows, however,  that once in power, even persons of non-impeccable reputation, make it difficult for others to get where they are by the same means. Sin has to be a privilege, not a common resource available to everybody, and consent and power have to be conquered and exercised always at the expense of someone else.
                                            
                                           TheSancta Sanctorum chapel, Lateran Palace Rome.
The Holy of Holies Tiberian Hebrewקֹדֶשׁ הַקֳּדָשִׁים Qṓḏeš HaqQŏḏāšîm) is a term in the Hebrew Bible which refers to the inner sanctuary of the Tabernacle and later the Temple in Jerusalem where the Ark of the Covenant was kept during the First Temple, which could be entered only by the High Priest on Yom Kippur. *Wikipedia(. 

venerdì 17 febbraio 2012

Hand Jobs



Masturbation derives probably from latin  manu stuprare (defile by hand) The Oxford Dictionary
recorded the word in 1766. The Catholic Church might have coined the term, for Penitential Books
developed in the 6Th through 10Th centuries.
There is a great confusion between compound words and etymology, historical development of words and
analysis of their current surface forms, meaning and etymology, (sound change or semantic
change do not authorize the equivalence of them).
There are funny  popular etymologies  such as Elephant and Castle, (an area of London)  from Infanta de
Castilha, (who, it is said, happened to have stopped there) and fuck, supposed acronym of fornication
under consent of king.
In general we are very happy when we hear an etymology, it gives us the satisfaction  of a discovery, the
feeling of digging out the real truth hidden under the surface of  such a common thing as everyday language.
Etymologies  have the aura of  scientific arguments , they can be  instruments of seduction and
manipulation. With plays on words, meaning and/or sound, they are  favourite  tools, of comedians,
writers,  preachers, gurus, and salesmen. Our own famous Oxford professor Nicola Gardini http://www.mymosamoon.com/2012/02/perche-usare-wikipedia-quando-ce-il.html even wrote a
novel on etymologies. Derrida made a beautiful liaison between umbrella and oblivion.
Heidegger's entire philosophy is based on such technique of words and verbs manipulation. It is said the
french philosopher and psychoanalyst Jacques Lacan was a great reader of Saint Isidore of Seville
(560–636) , the author of the  Etymologiae , which is not just a collection of abstruse, odd, false
etymologies, but  a synopsis of all contemporary knowledge, a kind of medieval Wikipedia, in it there is,
quecunque fere sciri debentur, (Braulio) practically everything that it is necessary to know
                                   
           
 Isidore (right )and Braulio (left). Ottonian manuscript 10th century. (Wikipedia)
Lacan borrowed from Isidore the famous joke le nom du père le non du père, without quoting him. 
                                                         
                                           La canne c'est meilleur que la banane (Josephine Baker).
http://www.youtube.com/watch?v=k5v3fp3Cms4


Pope John Paul II justly proclaimed Isidore, Saint patron of the Net. Pray for us all on the net, Sain Isidore
and particularly for the authoress of this  blog, your devoted humble and almost saint herself,
Mymosa Moon.

domenica 12 febbraio 2012

An Apology for Onanism

Dilige et quod vis fac. Love and then what you will, do.
(St. Augustine,  In Io. Ep. tr. 7, 8)

Therefore, I tell you, her many sins have been forgiven-
for she loved much. But he who has been forgiven little loves little (Luke, 7, 47)


Pecca fortiter. Sin Boldly ( Luther to Melancthon, 1,8,1521)
 
Shame on you Abi Morgan. She wrote the script of the film

http://en.wikipedia.org/wiki/Shame_(2011_film)
a piece of good old   male (and gay) bashing  feminism.  At the bottom of  the last circle  of  New York  Hell lies of course a gay dark room. People living in  their cosy  familial suburbian Inferno of semidetached houses in Bedizzole will be happy not to be living  in New York
-New York? che postaccio! mille volte meglio Bedizzole!-
She is showing pornography, and  making innuendo to all possible deviations of sexuality, (incest and so on),   while passing moral judgements on them. Would it not be better to use the rhetorical  figure of reticence: la sventurata rispose (the poor wretch answered), so prominent in chapter 10 of Manzoni I promessi sposi.  Dante's Quel giorno più non vi leggemmo avante Inferno V:138 (27/30) (That day no farther did we read therein) is more erotic than any sordid detail.
Transexuals are  the only category of pervs  excluded in Shame,  probably because they would add a bit of irony to a film dramatically lacking it.



                                                             Platinette screaming her moral disgust

 Let Fassbender wank freely  under the shower Abi,  we do not want to return to the old days when masturbation was the cause for blindness.




Diogenes the Cynic  wanked  in a public square in 400bc Greece!
A bit of a relief was Gould' s Bach fuga   accompanying Fassbender  jogging in NewYork with aseptic detached elegance.  The opposit has to be said of  the original score by composer Harry Escott,  stressing with redundacy the scenes already redolent of condemnation.
What saves Steve McQueen film is the rythm, the balance of stillness and movement, probably not worth the money you spent.  You can  hear Glenn Gould  for free on You Tube
Mymosa Moon

mercoledì 8 febbraio 2012

"Letteratura e pratiche igieniche corporali quotidiane"

Vi voglio tutte belle.
2 Clisterino alla malva con Catullo


Where humor is concerned there are no standards - no one can say what is good or bad, although you can be sure that everyone will. (John Kenneth Galbraith)

 Row us out from Desenzano, to your Sirmione row!
So they row'd, and there we landed-"O venusta Sirmio"
There to me through all the groves of olive in the summer glow,
There beneath the Roman ruin where the purple flowers grow (Frater Ave Atque Vale. Alfred Tennyson)

Care, care, care, carissime ben trovate
Non saremo mai abbastanza grate al professor Gardini da Oxford http://www.mymosamoon.com/2012/02/perche-usare-wikipedia-quando-ce-il.html
per questa sua brillante associazione della letteratura alle pratiche igieniche quotidiane, anche se lui l’aveva troppo modestamente ristretta alla pulizia dentale, è totalmente nostro merito averla estesa ad ambiti più audaci: le parti sotto l’ombelico. E’ quindi continuando il discorso già iniziato ieri che propongo oggi quella che è una mia vecchia ricetta. L’ho applicata con successo, nella mia soffitta al Carmine, il centro antico di questa città, dove per decenni ho esercitato la professione,  su generazioni di valtrumplini che scendevano in città, avidi di trasgressione e piacere, per prepararli al massaggio prostatico dei venti centimetri della Mymosa Moon.




File:Alexandre Chaponnier La Soubrette Officieuse 2.jpg
Alexandre Chaponnier La Soubrette Officieuse


Ovviamente non è la stessa cosa il self help e la mano esperta di una sacerdotessa del sesso, ma cosa volete mai, non posso essere dappertutto care lettrici, che siete, ho avuto notizia, persino in Australia.
Dunque prendete una pompetta da clistere, preferibilmente di quelle belle grosse antiche, aborro le nuove pompettine sterili già pronte usa e getta che si vendono in farmacia. Riempitela con un infuso caldo di fiori di malva e di  puro sapone di Marsiglia, due foglie di menta e due gocce di tamarindo, e mentre lo immergete recitate il verso immortale del poeta nostro di Sirmione
http://www.poetryatlas.com/poetry/poem/341/frater-ave-atque-vale.html
Odi et amo (Catullus Carmen 85)
engl. I hate it, yet I love it
Avendo l’avvertenza che mentre dite la prima parola “Odi”, dovete spingere un attimo, superare la resistenza, il momento di dolore, potete rilassarvi, assaporare profondamente il piacere, schiacciare la pompetta, rilasciare il liquido caldo, tirare il fiato, enunciare lentamente le parole “et amo”. Sarebbe un errore  dire “Godi et amo”, come se il piacere venisse subito e non fosse invece strettamente associato con l’altro, il dolore. L’ambivalenza e la stretta unione dei due già prima di Freud era stata magistralmente illustrata dal divino Platone, con le parole di Socrate, nella sua cella, prima di morire. : 
Che strana cosa, amici, sembra quella che gli uomini chiamano piacere. E che straordinario rapporto tra questo e il suo contrario, cioè il dolore. E pensare che essi convivono nell'uomo e pur si respingono sempre e chi cerca e riesce a cogliere l'uno, si vede costretto, sempre, a sobbarcarsi anche l'altro come se, pur essendo due, fossero attaccati entrambi a uno stesso capo (Fedone 60bc).
ς τοπον, φη, νδρες, οικέ τι εναι τοτο καλοσιν ο νθρωποι δύ· ς θαυμασίως πέφυκε πρς τ δοκον ναντίον εναι, τ λυπηρόν, τ μα μν ατ μ θέλειν παραγίγνεσθαι τ νθρώπ, ἐὰν δέ τις διώκ τ τερον κα λαμβάν, σχεδόν τι ναγκάζεσθαι ε λαμβάνειν κα τ τερον, σπερ κ μις κορυφς μμένω ([60c] Πλάτωνος Φαίδων ed. John Burnet, 1903)
Insomma dopo il clisterino avrete un sederino pulito pulito e potrete dire di aver letto tutto Catullo integralmente e in lingua originale.
A domani care amiche la terza e ultima della serie "Letteratura e pratiche igieniche corporali quotidiane" Il bidet intertestuale da Virgilio a Dante, sempre ovviamente dedicato e in grata memoria, al nostro amico dell’alma mater oxoniense.
Vostra Mymosa Moon

martedì 7 febbraio 2012

"Letteratura e pratiche igieniche corporali quotidiane"


Care care care, carissime, ben trovate, perché lavarsi solo i denti come fa il professor Gardini da Oxford http://www.mymosamoon.com/2012/02/perche-usare-wikipedia-quando-ce-il.html
mentre pensate al ritmo sintattico di una frase da scrivere sul vostro blog, , a quale piluccare oggi  dei vostri volumi nello scaffale delle lingue semitiche e  ugrofinniche,  di quale autore parlare male stasera nel dinner party della signora Jole. Bisogna pensare anche a quelle parti del corpo ingiustamente considerate basse. Non fare come il Petrarca che non andava più in là del bel piè, o la vera signora che non parla mai di soldi e di ciò che sta sotto l’ombelico. Osiamo.
E’ per questo che vi propongo oggi il semicupio emolliente all’Eneide. Adatto ai problemi di fistole, ragadi e in genere alle emorroidi. Prendete un semicupio, mettetelo in biblioteca di modo che abbia la stessa posizione e la stessa eleganza della dormeuse di Madame Récamier,
Madame Récamier, David, Louvre,
cfr. anche la parodia di Magritte

(http://www.gallery.ca/en/see/collections/artwork.php?mkey=45518  )

fate versare dalla vostra badante un infusione bollente di camomilla, 5 foglie di menta (rinfrescanti) 2 gocce di tamarindo  ( è per il colore). Immergetevi elegantemente, e mentre pronunciate  i versi
Infandum, regina, iubes renovare dolorem, tu mi costringi, o regina, a rinnovare un indicibile dolore. (Virgilio, Eneide, II, 3).
Traduciamo anche in inglese approssimativo per i nostri lettori nella perfida Albione,
a deep unspeakable pain, you force me to feel again, you queen
insomma in qualsiasi lingua traduciate è importante che mentre pronunciate "dolorem", vi massaggiate con delicatezza ma determinazione la parte dolente (le più audaci possono immergere il ditino, ma senza esagerare). Ripetete dieci volte Infandum, regina, iubes renovare dolorem e il massaggio. Avrete un sederino stupendo e potrete dire di aver letto tutta l’Eneide in latino.
Care care care, arrivederci a domani per il numero 2 della serie, Clisterino alla malva con Catullo.
La vostra Mymosa Moon

 vi voglio tutte belle e intelligenti:
1- Semicupio emolliente all’Eneide.

domenica 5 febbraio 2012

Perché usare Wikipedia quando c’è il professor Gardini da Oxford?

Non potremo mai fare a meno dei libri. E’ il programma del ciclo di  conferenze, nel senso che gli ebooks e il web non potranno mai sostituire i veri libri. Mi precipito. Primo incontro. 52 libri  tra cui Lo Zibaldone, (3000 pagg) le Vite del Vasari (non so quante  ma sono tante) Guicciardini, e tante altre che insomma a leggerle tutte uno arriva a ottant'anni. Tale Gardini  da Oxford , viene a parlare del suo libro sui 52 altri,


una sera di sabato gelata 4 febbraio a Brescia, sede prestigiosa ridotto del teatro Grande, ospite della fondazione Teatro Grande e Caffè Berlucchi, quella degli spumanti di Franciacorta,  esordisce dicendo che l'ha scritto il suo libro sui 52 libri, con la stessa leggerezza con cui si lava i denti ogni giorno e con la stessa attitudine, che i libri vanno letti direttamente e non attraverso noiose storie della letteratura, e contesti biografici e critici, per questo lui li ha messi in ordine alfabetico, cosa c’entra la cronologia la storia, quello che è avvenuto prima dopo in parte sopra e sotto, i testi vanno letti da soli subito come si fa in Inghilterra, diversamente  dalle noiose scuole italiane, ferme a Croce De Sanctis e  Gramsci, professoresse che ti fanno odiare la lettratura, ordine alfabetico casuale ma rigoroso.  però uno si chiede come mai  uno debba leggere il suo libro prima di leggere direttamente gli altri libri. Scusi ma lo Zibaldone,gli ho chiesto lei l'ha letto tutto?.Assolutamente si, risponde. Ma allora la storia che lei ci ha messo lo stesso tempo che lavarsi i denti?  Domanda cosa fa il Gardini nel suo tempo libero?
Un altro domanda , Va bene il suo libro come bigino? (bigino per chi non sapesse sono i riassunti Bignami che usavano gli studenti pigri per non leggere i libri veri e propri). Non stava scherzando, la sua non era ironia,  era serio  e con un viso pieno di devota ammirazione. Io mi metto a ridacchiare, Gardini mi vuole cacciare. Devo far finta di ammirare gli affreschi settecenteschi, bellissime dame lombarde che si affacciano da finti balconcini.  Sembra che tra un lavaggio di denti e un gargarismo  Gardini abbia  scritto anche  un romanzo di cui ha parlato poi ampiamente.
http://www.lafeltrinelli.it/products/9788858804285/Le_parole_perdute_di_Amelia_Lynd/Nicola_Gardini.html?aut=159803

E non è neanche l'unico e il primo.Non  traduce in inglese il suo libro sugli altri 52?? Domanda un altro. Ho l’Oxford University Press sotto casa, dice il prof Gardini  modestamente, vedrò cosa dice il mio agente, ma la casa editrice lo vuole già tradotto, non ho tempo nè voglia di farlo tradurre ad altri. Gli inglesi poi non sono come gli italiani che traducono tutto. Sono, fa capire, più etnocentirici. E’ vero penso io, non cascano ai piedi di qualcuno che viene da Oxford, e soprattutto Wikipedia è anche in inglese. Rigorosamente in ordine alfabetico. Alla faccia di chi ti dice che il libro ha la precedenza sul Web. Poi le strutture mentali sottese ormai sono quelle. Niente storia, una scheda qualche link e via.
Il vantaggio di Wikipedia è che vi si possono correggere gli strafalcioni, dal libro di Gardini e (dalla stampa in genere) è un po' più complicato.
.