venerdì 1 gennaio 2021

La Brexit: per sport e non sul serio

 

                            La sublime indifferenza di Jacob Rees-Mogg  durante il dibattito sulla Brexit.

La guerra, la rapina organizzata, che produce schiavitù, produce ricchezza in maniera più onorevole del lavoro, in maniera circolare, perché il lavoro diventa condizione servile.

Con la schiavitù, risolvendo il problema dell'economia, i cittadini delle poleis della Grecia antica scoprono la politica e lo sport.

 Lo sport e le olimpiadi nascono in Grecia perché c'è la schiavitù, chi fa sport ha tempo libero, non lavora; la fatica fisica, perdendo ogni scopo utile si trasforma in qualcosa d'altro, ha la possibilità di diventare piacere

Lo sport nato da una economia schiavistica di rapina ne mantiene, secondo Veblen, ( La teoria della classe agiatai caratteri:  aggressività, inganno, competizione.

Non a caso gli sport moderni nascono in Inghilterra. il calcio la box, la caccia alla volpe abbandona lo scopo utile per cui è nata la caccia, ne è parodia, gioco e rituale della upper class.

L'arte, il bello, e tutto ciò che non ha finalità di utilità è signorile.  Il lusso lo spreco, la sublime indifferenza verso il denaro è signorile, che a ben vedere è una contraddizione, è indifferenza e disprezzo verso quello che la rende possibile, la ricchezza il denaro. La vera signora non parla mai di piedi né di denaro. si dà per scontato che ne abbia tanti. E quindi può passare il suo tempo a spenderlo senza mai occuparsene o tantomeno parlarne.  

Il gentleman inglese è un dilettante che non fa niente sul serio, tutto per sport, incompetente per definizione perché non ha bisogno di essere un professionista di niente, non ha bisogno di lavorare.  

Mi venivano in mente queste cose riflettendo sulla Brexit e leggendo i giornali inglesi e le analisi che essi stessi ne danno, come sia nata della incompetenza e arroganza tipica della ruling class inglese, un prodotto delle public schools, Eton Oxford da cui tutti i protagonisti di questa vicenda sono usciti. Johnson, Dominic Cummings, Nigel Farage, Jacob Rees-Mogg.

Opinion | The Malign Incompetence of the British Ruling Class - The New York Times (nytimes.com)

https://www.theguardian.com/commentisfree/2020/dec/27/history-britain-ruling-class-created-crisis-boris-johnson-brexit-covid

How Oxford University shaped Brexit — and Britain’s next prime minister | Financial Times (ft.com)

congiunzione micidiale tra eccellente educazione aristocratica e populismo, e  ignoranza e povertà delle zone rurali e periferiche. ….il fatto che Johnson abbia dichiarato più volte "fuck the business".

La Brexit non ha motivazioni economiche, ma politiche: il controllo, padroni in casa propria, sovranità.

Meglio essere liberi e poveri che servi di Bruxelles.  (poveri loro, Johnson, Dominic Cummings, Nigel Farage, Jacob Rees-Mogg in ogni caso non lo diventeranno, sulla Brexit hanno costruito carriera, fama, potere, denaro, poveri se mai diventeranno tutti gli altri.)

Che abbia ragione lui? Che abbia ragione Johnson a guardare oltre l'economia? La politica non deve sempre seguire pedissequamente l'economia! Non è il fine ultimo della politica il superamento dell'economia? …non è tutto il pensiero di Marx un partire dall'economia per svuotarla di significato? costruire una società in cui sarà dato ad ognuno secondo il suo bisogno e non secondo i suoi meriti economici. …la cuoca a capo dello stato…etc

siamo noi che abbiamo una prospettiva di schiavi, e pensiamo solo ai soldi, tappetino di Macron e della Merkel?  

 

lunedì 23 dicembre 2019

Uccelli grossi e rapaci e una travestita seriale






Ganimede con Giove Aquila dello scultore danese Bertel Thorvaldsen   Dalla mostra Canova e Thorvaldsen: alle Gallerie d'Italia di Milano dal 25 ottobre 2019 al 15 marzo 2020. (in prestito Dalla Pinacoteca Tosio Martinengo Brescia.)


A Ganimede piacevano gli uccelli grossi e rapaci, e allora Giove per contentarlo ma anche per sfuggire alla sorveglianza alle di Giunone. si traveste da aquila, più che transgender trans specie. Giove in ogni caso era una travestita patologica e seriale, per  trombare tutto quello che gli capitava sotto tiro.

Venere  aveva bisogno di suo figlio Amore , per far innamorare Medea di Giasone,  lo trova a giocare a dadi con Ganimede .Giove Aquila lì in parte gelosissimo, che non facciano altri giochettini. 


Che insomma da allora l’Olimpo resta un gran bel nome per saune e locali equivoci, con dentro un po’ di  tutto, dal camionista che si finge così inascarito da volerlo metterlo  ovunque e schiva tre vistose meretrici  per accoppiarsi con un ragionierino in incognito, fino al nostro Ganimede che mesce Punt e Mes o Ferrochina Bisleri  ad infreddoliti travestiti.  In attesa di improbabile amore nerboruto sposato e benestante.  
E a dirla tutta il danese era meglio se si fermava a fare sovrapporte e tombe che poi erano il suo forte. un tondo con l’aurora alla marchesa poi se perdeva il figlio un angelo piangente con madre velata e riversa tanto non è che suo scalpello potesse fare il corpo in trine avvolto di pietra, era pur sempre dello Jutland .





Ma anche Michelangelo pecca nel tema , l’Aquila del re dell’olimpo sembra una tacchinona  che cerca di sollevare una resdora padana..Che sia l’aquila asburgica con la cuoca sciampista mantovana? Oddio ora ha pure i nobili lembi la sciagurata, E come li chiamerà che gli manca il label?

giovedì 5 dicembre 2019

Maysam puttana e regina del campo di Manus. (Nessun amico se non le montagne di Behrouz Boochani)




        In "Pose" the subjects bow to the passage of Dominique Jackson, imperious Elektra

Categorie: in cui inquadrare gli altri e il mondo, categorie etichette, per esorcizzare definire e stare tranquilli, i giornalisti più di altri hanno bisogno di categorie, stereotipi preconcetti precotti da dare in pasto al veloce consumo dell’ingordo stomaco digitale e mediatico che non ha tempo per le distinzioni. E trasferirà subito dallo stomaco alla cloaca. 
Se la prende ogni tanto coi giornalisti, rifiuta la categoria di rifugiato Behrouz Boochani e la condiscendente compassione che l’accompagna, irriducibile a categorie, intellettuale scrittore artista.
Curdo fuggito dall’ Iran, autore di .Nessun amico se non le montagne (Add Editore, 18 euro cartaceo, 9 euro ebook) l'ha scritto in farsi, sul telefono , trasmesso via Whatsapp a  Omid Tofighian che l’ha tradotto in inglese https://www.addeditore.it/catalogo/behrouz-boochani-nessun-amico-se-non-le-montagne/ mentre era imprigionato nel campo di Manus , in una isola della Papua Nuova Guinea, dove gli Australiani fino al 2017 hanno relegato gli immigranti illegali.
E rifiuta di etichettare il libro come una cronaca degli anni trascorsi in prigione, Il suo libro non è una cronaca, ma un’opera di finzione, di creazione. Creare pensare immaginare scrivere, sopravvivere nel campo è trascendere, essere altro e altrove.
Il campo è una metafora del mondo.  Nel campo come nel mondo vige la kyriarchia , la dominazione gerarchica maschile eterosessuale, fatta di sessismo razzismo omofobia  transfobia, xenofobia, discriminazione istituzionalizzata e interiorizzata da ogni individuo all’interno del sistema militare industriale e carcerario, che pone gli uni contro gli altri, nel campo di Manus come nel mondo.
Maysam La puttana è il personaggio più bello di Nessun amico se non le montagne perché mette in discussione la kyriarchia.
Vince con   la parodia, la creatività e la finzione, satira dell’autorità, delle categorie e dei generi, autorizza nel carcere le relazioni gay. ,
Maysam  è la regina e  il riso
Nel campo è vietato giocare, il campo deve essere sofferenza, Maysam la puttana invece trasforma il campo in festa e in   ballo, .
“Un uomo dai lineamenti infantili che utilizza queste doti per smerciare poesia e fare satira su tutti gli aspetti seri della prigione desolata”.
E non è un caso che nella miseria del campo di detenzione australiano una delle sue parodie preferite sia quella del religioso, critica del regime teocratico iraniano..
Categorie: ogni gara in “Pose,”lo splendido dramma sulla scena delle ballrooms LGBT newyorchesi degli anni 80,  ora su Netflix, inizia con la frase rituale “la categoria è “pronunciata dal presentatore   Pray Tell (Billy Porter).: “The category is,
Quando poi della categoria si farà parodia, intrepretata da personaggi al di sopra delle categorie e dei generi. Transexual, trans category and transgender.  
Realness: è l’altra parola chiave della gara, gioca tra realtà e regalità, la finzione e la fantasia sono resistenza parodica alla gerarchia e alla realtà, la finzione per essere credibile deve essere come la realtà, suo capovolgimento ironico, impersonificazione satirica da parte degli esclusi e emarginati, di chi sta alla cima della piramide gerarchica: la regina. E così l’oppressione, la sudditanza e la dominazione, almeno per un momento, nella finzione, si trasforma in gioco.



English translation.
Maysam the whore, queen of the of Manus prison.
(Behrouz Boochani's No friends but the mountains)


Categories, to frame the world and the others; labels to exorcise, define, confine and tranquilize. Journalists more than other people need categories, stereotypes, precooked preconceptions for the fast consumption of the media. 
Behrouz Boochani takes out on journalists when they use the label refugee on defining him, he refuses the condescending compassion that accompanies the word, claiming to be, first of all, a writer and an artist.
The  author of .No friend but the mountains https://www.amazon.it/No-Friend-But-Mountains-Writing-ebook/dp/B07BKPX1J5  is a Kurd, escaped from Iran,  he wrote the book  while he was imprisoned in the camp of  Manus, a little  island of Papua New Guinea, where the Australians until 2017 have relegated illegal immigrants. He wrote It in Farsi, on the phone, transmitted it piece by piece  via Whatsapp to Omid Tofighian who translated it into English 
He refuses to label the book a chronicle of the years he spent in prison. His book is not a chronicle, but a work of creative fiction... in the prison thinking, imagining, writing, means surviving, transcending one’s own state, being someone else elsewhere.
The concentration camp is a metaphor for the world. In the camp as in the world rules the kyriarchy, the system of male heterosexual domination, built on sexism racism homophobia transphobia, xenophobia. A system of oppression and discrimination, that is internalized by every individual within the military industrial and prison complex, which places one against the other, in the prison of Manus as in the world.
Maysam The whore is the most beautiful character of No friend but the mountains, she questions the kyriarchy. She conquers it with parody, creativity, satire, overcoming categories and genres, authorizing illegal gay sex in prison.
Parody defies definition and categorization.
Maysam the whore is the queen of laughter. In prison   where every game is forbidden, where one has to suffer, Maysam the whore transforms every night into a party and the camp in a ball room.,.

“Someone who is so brave and so creative; he flexes these attributes through his muscles, muscles he uses to challenge The Kyriarchal System of the prison. He employs a beautiful form of rebellion that has enormous appeal for the prisoners. A man with boyish features who uses them to peddle poetry and to satirise all the serious aspects of the forlorn prison. The spirit of Maysam The Whore contrasts with the desert of solitude and horror of the prison. This is like a reward for the prisoners; a gift in the form of a collective response, a collaborative effort among men who have been banished.” (Kindle Locations 2244-2248)



And it is no coincidence that one of his favourite parodies is that of the religious, a scarcely veiled criticism of the Iranian theocratic regime, from which Behrouz has escaped.
***
Categories…. Each competition in "Pose," the boisterous drama of 80s New York ballrooms scene, now on Netflix, begins with the ritual phrase "the category is…
A category is a theme to which one has to dress and pose. They are Royalty, Military or Dynasty. categories from which, in the real world, the characters of the series, (gay and transgender, black and Hispanic), are excluded, being themselves above or beyond sexual categories.
Posing is opposing, a way of reclaiming spaces.
Nevertheless while posing, one has to be real, in the seriousness, the persuasiveness one takes on pretending lies the competition, fiction to be credible must be like reality, even if it is an ironic parodic reversal,  even being a resistance to and a fight against reality.
Realness is (with category) the key word, nuanced between regale and real, reality and royalty.
The (drag) queen is the undisputed protagonist of the catwalk. Under her rule, subjection and domination become at least for a moment, in fiction, just a resplendent game of appearances.



martedì 17 settembre 2019

Il motivo è lo stesso ma la donna annegata è un'altra.

Millais, Ofelia, Tate Gallery London.


Ancora prima di   Propp, Joseph Bédier aveva riconosciuto nelle fiabe popolari fattori variabili e fattori
costanti. Gli invarianti, che  Bédier chiama “motivi”, e diventeranno in Propp “funzioni”,
rappresenterebbero le unità elementari, che in varie combinazioni  danno vita a nuovi intrecci.
Non è sempre facile individuare questi elementi costanti perché appunto variano. 
Sta di fatto che empiricamente riconosciamo nelle narrazioni una somiglianza nella diversità. 
Capita ogni tanto di fare queste riflessioni sull'equivalente  contemporaneo delle fiabe popolari, la marea
sterminata delle narrazioni disponibili in tv e su Youtube. 
Per esempio mi è capitato di vedere una sera dopo l’altra  "The woman in brown" un film
americano del 1948 e “The wench is dead” tratto d un libro di Colin Dexter del 1989
della serie dell'ispettore Morse e tradotto in italia da Sellerio
(La fanciulla è morta). 


https://www.youtube.com/watch?v=1WIbrbWCSE0

 Individuiamo motivi simili : La donna annegata , il contesto giudiziario, il motivo cruciale dell’identificazione, “chi è veramente
la donna annegata?.    (ci sono anche altri motivi di somiglianza, la tecnica narrativa , entrambe le narrazioni consistono in una
rievocazione e mescolano i livelli temporali dell’ adesso con l allora. La tematica, la prevenzione dei giudici nei confronti della
classe sociale bassa degli accusati)


The woman in brown: Un barone vuole acquistare tutti i terreni dei vicini , i contadini si
rifiutano di lasciare la terra. Il barone  approfitta della scomparsa di una ragazza e
accusa i contadini di averla sgozzata per liberarsi di loro. La storia viene ricostruita 
interamente attraverso
gli interrogatori degli avvocati nell'aula di un tribunale. Quando un corpo della donna scomparsa riappare dal fiume e la madre
riconosce la figlia, che non presenta tuttavia segni di tagli alla gola, il  pubblico ministero non trova altro di meglio per dimostrare
che quello non è il corpo della fanciulla scomparsa di accusare la madre di essere folle. 
Alla fine  i contadini verranno assolti.
In “The wench is dead” dei barcaioli sono accusati dell'omicidio di una donna da loro trasportata su un barcone nel canale 
da Oxford a Londra. 

Morse dimostra a posteriori 150 anni dopo che in realtà la donna ripescata dal canale non è quella ritenuta scomparsa ma un’ altra. 
Il marito della donna ha procurato un cadavere di un'altra donna,   l'ha vestita coi panni della moglie e lui stesso riconosciuta come
sua moglie per incassare i soldi dell'assicurazione, mentre ovviamente è viva e vegeta.
Basandosi i giudici sulla testimonianza del marito e non di altri, ritengono
i barcaioli colpevoli, che vengono impiccati,
Non sappiamo  ovviamente se Colin Dexter  conoscesse il film The woman in Brown del 48, anche se non è improbabile,quello che
sorprende è l'estrema somiglianza del motivo della donna annegata  e dell'ambientazione processuale , ma ovviamente non può
essere accusato di plagio, ha ribaltato il motivo della donna annegata, nella storia di Dexter la donna annegata non è la stessa
scomparsa, ma  i giudici ritengono invece che lo sia, nel film del 48 era la stessa ma i gli avvocati volevano farla passare per un’ altra. 
 Insomma la storia  si ripete ma la combinazione è diversa. 

lunedì 1 gennaio 2018

Straight and streaming (queen)







It's amazing how the Christmas and New Year's video message, once reserved
for the great and powerful of the earth, has become so common,
and has transformed the small normal straight person into a streaming queen.

Francis Bacon Screaming Pope


Platinette Screaming Queen


The real royal streaming, Queen's Christmas message

martedì 12 dicembre 2017

Call me apricock

Non è un libro per quelli che amano le sveltine. Capisco che se Renzo sposava subito Lucia
non esisteva storia . Una storia ha bisogno di ostacoli e conflitti per esistere. Però c’è modo
e modo per contarla, a questi ritardi non siamo più abituate.… Essendo questa di
André Aciman  la storia di sei settimane nella vita
di Elio un ragazzo diciassettenne angloamericano, che si infoia al picco di tempeste ormonali
tardoadolescenziali di un americano Oliver bonazzo e atletico di passaggio, ospite della sua
famiglia in villazza su una Riviera italiana non ben identificata (Argentario?) ma chic,  riesce
a farselo alla terza settimana  e cioè a metà del libro, dopo un sacco di paturnie tormenti
autoanalisi stremanti  e siccome ho ascoltato  la versione audible del libro mentre pagaiavo
freneticamente tra lo Zocco e l’isola dei Conigli ci ho messo circa 6 ore per raggiungere
l’orgasmo. Sono arrivata quindi a metà libro esausta e con il gomito del tennista e cioè una
epicondilite laterale che colpisce anche i kayakers. . E siccome bontà di Amazon puoi restituirlo
se non ti piace e averlo un altro. Così ho fatto.  E più non lessi avanti.
Cifra stilistica dominante del libro è l’anafora
https://it.wikipedia.org/wiki/Anafora_(figura_retorica)
L'anafora (dal greco ἀναφορά, anaphorá, «ripresa», da aná, "indietro" o "di nuovo", e phéro,
"io porto") è una figura retorica che consiste nel ripetere una o più parole all'inizio di frasi o
di versi successivi, per sottolineare un'immagine o un concetto: si tratta del modulo tipico
della ripetizione.
Pag 30.
Let summer never end, let him never go away, let the music on perpetual replay play forever
,I'm asking for very little, and I swear I'll ask or nothing more.
Se a questo si aggiunge che la cifra per così dire “tematica” è l’esperienza unica e irripetibile
dell’innamoramento adolescenziale, del ricordo e della nostalgia e del rincrescimento per
l’impossibilità della ripetizione
never before, never since
ci si rende conto che il tono del libro è caratterizzato da una enfasi a volte insopportabile che
rende la pagaiata ancora più faticosa.
Se a questo si aggiunge ancora che l’ambientazione è più idillica che più idillica e perfetta
non si può, la giovinezza e la bellezza dei protagonisti, la villa il giardino il mare la riviera,
il cibo , il vino, la raffinatezza della conversazione e dell’ambiente, cosmopolita e multilingue
, sia chiaro che i due non sono due metalmeccanici ma uno ‘l’americano studioso di Eraclito
in Italia per curare la traduzione del suo libro ( Si ahimè abbiamo capito anche noi ignoranti
che tutto scorre, e che non ci si bagna mai due volete nello stesso fiume, tutto passa e nulla
si ripete)  Mentre Elio pur diciassettenne è un musicista esperto in trascrizioni, di trascrizioni
di trascrizioni, tra cui trascrizione delle variazioni di Brahms ha scritto sulle variazioni di Bach
, variazioni delle variazioni, insomma un meta meta che più sopra non si può andare
Ciliegina sulla torta i due sono entrambi ebrei, che anche quello fa tanto chic, e prima di
convolare a giusta scopata omoerotica, copulano copiosamente con le fanciulle che
stanno in giro, dimostrando quindi machismo, virilità e potenza e non esclusivamente
frociaggine. Solo che ovviamente mentre il rapporto di Elio con la ragazza essendo troppo
ovvio e non ostacolato , diversamente da quello con Oliver, il rapporto eterosessuale  è
necessariamente meno erotico e narrativamente inessenziale.
Dimostra forse che l’amore romantico e o l’erotismo si salva all’ombra del residuo di  ostacoli
resistenze che pur tuttavia esistono per l’amore omosessuale?  
Capiamo in ogni caso che di fronte a questo scialo di perfezione di bellezza e cultura la villa
la riviera Eraclito, Bach etc.. la povera casalinga che vive nel monolocale di Voghera o la
commessa di Pittsburgh è
messa a KO  il meccanismo di seduzione del lettore è completo e irresistibile.
Poi dopo ci sono qua e là divagazioni carine, l'etimologia della parola italiana albicocca, che
è a quanto pare una parola araba, sul tema dell’albicocca, ci si passa una pagina e mezza ,
succo, frutto etimologia e fantasie erotiche e giochi di parole, perché la fessura in mezzo alle
due rotondità ricorda al protagonista il culo di Oliver, giochi di parole per cui per fusione tra
l’italiano albicocca e l'inglese apricot viene fuori apricock, apricazzo, chissà come l’ha tradotto in italiano
l’editore Guanda
It would never have occurred to him that in placing the apricot in my palm he was giving me
his ass to hold or that, in biting the fruit, I was also biting into that part of his body that must
have been fairer than the rest because it never apricates - and near it, if I dared to bite that
far, his apricock.
E poi frasi epiche ad effetto che rimarranno nella storia
Whoever said the soul and the body met in the pineal gland was a fool. It’s the asshole,
stupid.
Tutto questo nella prima metà del libro che ho ascoltato. Figuriamoci nella seconda che
non ho sentito.
Aspettiamo il film di Guadagnino ormai campione di incassi e pluripremiato, specializzato
dopo quello girato a Villa Necchi, in film ambientati in villa. Secondo me lo fa perché girare
in un posto circoscritto costa meno

domenica 22 ottobre 2017

Colonel Cathcart e Trump

Quattro soldati americani ammazzati nel Niger, Trump telefona alla vedova del sergente Johnson e per consolarla le dice
He knew what he signed up for
Dopotutto sapeva  per che  cosa aveva firmato
https://www.nytimes.com/2017/10/18/us/politics/trump-widow-johnson-call.html

Poi non si ricorda ovviamente del nome del soldato  ma continua a riferirsi al morto come your guy , il vostro ragazzo. Questo secondo la madre del Sergente   Johnson e un'amica di famiglia,  la  deputata  Frederica Wilson rappresentante alla Camera dello stato della Florida, famosa per i suoi capelli flamboyant da cow boy
La  deputata  Frederica Wilson rappresentante alla Camera dello stato della Florida, famosa per i suoi capelli flamboyant da cow boy


Trump ricorda il colonnello  Cathcart di Catch 22 di Heller, che convoca il cappellano gli ordina di scrivere  in futuro lettere "sincere”,ai parenti dei soldati caduti..
«A partire da domani», dice  «voglio che lei  e il caporale Whitcomb scriviate  una lettera di condoglianza in mio nome  al parente più vicino  di tutti gli uomini che sono stati uccisi, feriti o presi prigionieri. Voglio che quelle lettere siano lettere sincere. Voglio che siano piene  di un sacco di dettagli personali, quindi non ci sarà dubbio che voglio dire ogni parola che scrivi. È chiaro?"



Alla fine la lettera che viene inviata alla (presunta ) vedova del dr Daneeka è il formulario vuoto di una lettera di condoglianze, (un “sincero”  ossimoro, esempio  della logica paradossale di Heller)


Dear Mrs., Mr., Miss, or Mr. and Mrs. Daneeka:

Words cannot express the deep personal grief I experienced when your husband, son, father or brother was killed, wounded or reported missing in action.


cara Signora,  signore , signorina, signorina o signore e signora Daneeka:


Le parole non possono esprimere il profondo dolore personale che ho sentito quando suo marito, figlio, padre o fratello è stato ucciso, ferito o segnalato disperso in azione......